Curarsi all’estero: da oggi sarà più facile

OggiScienza

800px-Flag_of_Europe.svgCRONACA – Da oggi i cittadini italiani potranno scegliere in che stato farsi curare senza doversi sobbarcare sulle spalle l’onere di tutte le spese, purché optino per una struttura pubblica.  Pochi giorni fa era balzato alle cronache il caso della donna italiana in dolce attesa alla quale, senza che venisse richiesto il suo consenso, un’equipe medica di un centro ospedaliero inglese dove la donna era momentaneamente ricoverata, ha praticato un parto cesareo, affidando poi la figlia appena nata ai servizi sociali britannici. Curiosamente, proprio in questi stessi giorni di dibattito sui limiti dell’assistenza medica in terra straniera, in Italia è stato approvato il decreto legge che rende operativa la direttiva 2011/24 riguardante i termini dell’assistenza sanitaria transfrontaliera e il riconoscimento delle ricette mediche emesse in un altro stato dell’Unione Europea. Da oggi, infatti, sarà possibile per un cittadino italiano decidere in quale stato dell’UE farsi curare ottenendo poi un rimborso…

View original post 663 altre parole